Calcolo del Body Mass Index “BMI” o Indice di Massa Corporea

L’obesità...Una vera pandemia
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’obesità come una condizione cronica caratterizzata da un eccessivo peso corporeo per accumulo di tessuto adiposo in misura tale da influire negativamente sullo stato di salute. Si calcola che più di un miliardo di persone nella popolazione mondiale siano affetti da obesità e che la prevalenza di questa condizione sia in aumento in tutte le fasce di età, tanto da giustificare il termine di “pandemia”. Negli anni la prevalenza del sovrappeso e dell’obesità è progressivamente aumentata non solo nel mondo occidentale ma anche nei paesi in via di sviluppo. Questo interessante fenomeno è stato posto in relazione all’aumento dell’introito calorico, determinato dall’alto consumo di bevande zuccherate e di prodotti alimentari confezionati e pronti per l’uso nei paesi occidentali, o di grassi alimentari di basso costo, nei paesi in via di sviluppo. Non si può tuttavia non tener conto che, del bilancio energetico positivo dei tempi moderni, è importante concausa la generalizzata e progressiva riduzione dell’attività fisica quotidiana. Tutto ciò ha conseguenze rilevanti sullo stato di salute della popolazione.
Perchè si diventa obesi?
L’obesità è una malattia multifattoriale, ci sono dei geni che predispongono al sovrappeso e all’obesità. Tuttavia va sottolineato che, pur in presenza di una predisposizione genetica, è indispensabile la compartecipazione di determinanti ambientali affinché l’obesità si manifesti. Tra i determinanti ambientali, quelli che giocano un ruolo determinante sono sicuramente: la dieta ad elevato apporto calorico, l’essere nati in epoca gestazionale pre-termine, l’allattamento artificiale in età neonatale, la dieta ricca di grassi saturi in età pediatrica, l’inattività fisica, le alterazioni del ritmo sonno veglia.
Cos’è il “BMI”?
La diagnosi di obesità viene posta sulla base di due semplici misure antropometriche che sono il peso e l’altezza con i quali si calcola il Body Mass Index “BMI” o Indice di Massa Corporea (dividendo il peso in chilogrammi per il quadrato dell’altezza in metri) che, pur con qualche limitazione per maggiore o minore presenza di massa muscolare, definisce i valori di normalità e patologia del rapporto tra peso e altezza. Si definisce in sovrappeso un individuo con un BMI compreso tra 25 e 29 kg/m2, mentre per valori di BMI uguali o superiori a 30 kg/m2 si rientra nei criteri diagnostici per l’obesità. Obesità di classe I BMI 30.0-34.9 kg/m2, classe II BMI 35.0-39.9 kg/m2, classe III o severa BMI ≥40.0 kg/m2. BMI inferiore a 20 kg/m2 sottopeso.

E’ chiaro che questa classificazione ha un valore convenzionale in quanto i problemi legati al sovrappeso e all’obesità sono collegati in modo continuo con l’aumento di peso, per cui anche per piccole variazione di BMI, nella stessa classe, si possono avere importanti incrementi del rischio di insorgenza di patologie associate all’obesità. Il BMI non è utilizzabile negli atleti e nei culturisti, (nei quali può essere elevato in ragione di una aumentata massa muscolare), in gravidanza, durante l’allattamento, in presenza di edemi o ritenzione di liquidi. Il BMI non fornisce informazioni sulla distribuzione del grasso corporeo. Particolare attenzione va riservata all’obesità in giovane età, infatti dati recenti dimostrano che essa si associa ad un maggior rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2 e malattie cardiovascolari.
Prova a calcolare il tuo Indice di Massa Corporea inserendo il tuo peso e la tua altezza nel calcolare e scoprirai se sei normopeso!
Risultato
Fai le tue scelte per avere un responso.